Pages

11 ott 2013

Fratello Mio Poesia Di Emanuele Locatelli Scrittore


FRATELLO MIO.

Uno solo è,
Sei, mio fratello,
Ti ringrazio solo adesso;
Tu mi hai insegnato a vivere,
Fra i marciapiedi sporchi di questa città,
Che la gente finge di non vedere,
Sei stato accanto a me, come un amico,
Anche nella miseria e in povertà;
Quando ero solo, nel viaggio del dolore,
Tu sei stato accanto a me, il mio cavaliere,
Hai combattuto,
Contro chi rideva di me e dei miei problemi,
O usava il mio dolore,
Come un gioco per ingannare il tempo.
Io uomo e tu bambino,
Tu bambino e paladino,
Mi hai tenuto nella tua fortezza,
Cavaliere del mio male.
Quando il mondo mi ha sconfitto;
Tu mi hai preso in braccio,
E camminando in braccio a te,
Tu determinato e coraggioso,
Hai camminato per me,
Accudendo al mio dolore,
Trasformando il nostro viaggio in paragone,
Mi hai portato nell’amore,
Per farmi rialzare.
Quando ero solo, nelle spiagge, gelide e deserte liguri,
Senza alcuna ragione,
Hai cavalcato nel mio cuore, portando via il dolore,
Con la tua forza, nella tua passione,
Mi hai acceso l’ardore.
Tu bambino, tu uomo, tu mio cavaliere,
Mi hai reso vincente,
In questo viaggio lucente, che tu hai reso splendente,
Che ho vissuto con tè,
Cavaliere, fratello mio, grazie che mi stai accanto.
                                                                  

[Ho scritto questa poesia di vita vissuta, per ringraziare il cavaliere, mio fratello Massimo L.]
“…Nel tempo…dai importanza ai tuoi pensieri…e le tue parole rimarranno indelebili…nel tempo…!”.

Emanuele Locatelli Scrittore