9 dic 2013

Come una cintura di Castità poesia di Emanuele Locatelli Scrittore

Come Una Cintura DÌ Castità.

Questa volta ora no
non sbaglierò ancora .. No.
Non m’illuderò né sognerò campi verdi
non costruirò castelli di sabbia
no ora no, non mi concederò
non mi useranno più
come un fazzoletto di carta
nessuno mai più violerà il mio tempio
per la prima vera c’è sempre tempo
di passeri ce ne sono tanti nel cielo
Possibile che non esiste l’amore eterno.
Come disse Platone
In amore sta bene chi fugge
ma adesso sono troppo fragile persino per fuggire.
nessuno toccherà più il mio corpo
metterò una maschera bianca
per nascondere in silenzio il dolore dell’amore
davanti a questo specchio infranto
nessuno avrà accesso al mio cuore
a meno che io non voglia ..
Lo rifiuterò come se fosse un malanno.
Le mie paure, le mie ansie, il mio amore
Mentirò per vedere se sarà sincero
e solo allora, solo allora se sarà stato onesto
gli concederò tutto me stesso ..
Anima corpo, sentimenti, amore e sesso
e se lo vorrà anche la mia tenera età.
Perché per mio spiacente dolore
amore e sesso non sono la stessa cosa
ma solo allora se sarà stato sincero
e non prometterà di amarmi per sempre
perché oggi come allora al per sempre
non ci credo più.
Allora sarà amore, un bacio vero
da un cuore sincero
senza parole indescrivibile amore
per ora sono come una cintura di castità
cinque contro uno, ahh, ahh che ridere ..
Beh è naturale ..
Allo scoccare della mezzanotte al chiaror di luna
se sarà stato onesto mi lascerò.
come una cintura di castità, come una corazza d’amianto
la mia unica arma di difesa.
Eccomi sono qui .. A chiavi in mano, ma prima..
Lo metterò alla prova.

Emanuele Locatelli Scrittore www.emanuelelocatelliscrittore.it





0 commenti:

Posta un commento